Registro dei Titolari Effettivi


Chi è il titolare effettivo?

Il Titolare Effettivo è la persona fisica che, in ultima istanza, possiede o controlla l'impresa o ne è beneficiaria.
Per approfondimenti sulla definizione di titolare effettivo è disponibile il Supporto pratica Titolare Effettivo.


Chi deve comunicare il Titolare Effettivo al Registro delle Imprese?

I soggetti che devono comunicare il Titolare Effettivo al Registro Imprese sono:

  • le imprese dotate di personalità giuridica, quindi, ad esempio, tutte le SRL (ordinarie, semplificate, start-up innovative, ecc.), le SPA e altre società di capitali;
  • le persone giuridiche private, come le fondazioni e le associazioni riconosciute;
  • i trust e gli istituti giuridici affini ai trust.

Sono escluse le società di persone (società semplici, società in nome collettivo e società in accomandita semplice).

Il decreto interministeriale 11 marzo 2022, n. 55 fornisce disposizioni in materia di comunicazione, accesso e consultazione dei dati e delle informazioni relativi alla titolarità effettiva.
 
Relativamente allo stato di avanzamento dell'iter normativo, si informa che sono stati pubblicati i seguenti decreti:
  • DECRETO 12 aprile 2023 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 93 del 20 aprile 2023), con il quale sono state approvate le specifiche tecniche per la comunicazione della titolarità effettiva (modello TE);
  • DECRETO 16 marzo 2023 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28 giugno 2023), con il quale sono stati approvati i modelli per il rilascio di certificati e copie anche digitali relativi alle informazioni sulla titolarità effettiva, che rimanda, per gli allegati, al sito del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT);
  • DECRETO 20 aprile 2023 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28 giugno 2023) relativo all'approvazione degli importi dei diritti di segreteria di cui all'articolo 8, comma 1, del decreto 11 marzo 2022, n. 55.
  • Decreto 29 settembre 2023 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 236 del 9 ottobre 2023) che attesta l'operatività del sistema di comunicazione dei dati e delle informazioni sulla titolarità effettiva. 
Dal 9 ottobre 2023, pertanto, decorrono i 60 giorni per la comunicazione dei dati (il termine slitta all’11 dicembre poiché l’8 dicembre, venerdì, è festivo). 
 
Precisazione: Ai sensi dell'art 3 del D.M. n. 55/2022 le imprese dotate di personalita' giuridica e le persone giuridiche private, la cui costituzione sia successiva alla data del provvedimento del Ministero dello sviluppo economico di cui al comma 6, ossia il 9 ottobre 2023, provvedono alla comunicazione entro 30 giorni dall’iscrizione nei rispettivi registri.
 
I trust e gli istituti giuridici affini, costituiti successivamente al 9 ottobre 2023, provvedono alla comunicazione del titolare effettivo entro 30 giorni dalla loro costituzione.
La comunicazione del titolare effettivo può essere effettuata mediante l’invio di una pratica telematica all’ufficio del Registro delle Imprese della Camera di Commercio territorialmente competente.
Per la compilazione e l’invio della pratica è possibile rivolgersi al proprio consulente di fiducia oppure predisporre in autonomia l’adempimento per ciascuna delle proprie imprese interessate dall’obbligo normativo.
 
Tuttavia, non è possibile delegare la sottoscrizione della pratica ad un professionista abilitato: i soggetti obbligati sono comunque tenuti a munirsi di firma digitale.
 
Per l'invio telematico della pratica ComUnica in autonomia e senza intermediari, è necessario:
  • essere in possesso di un dispositivo di firma digitale in corso di validità. Per ulteriori informazioni sulla firma digitale e sul servizio fornito dalla Camera di Commercio della Romagna, è possibile collegarsi all’apposita area presente nel sito camerale oppure prenotare direttamente un’appuntamento per il rilascio presso gli sportelli camerali. Oltre alla Camera di Commercio, per ottenere la firma digitale è possibile rivolgersi ai prestatori di servizi fiduciari qualificati autorizzati da AgID.
  • disporre di una casella di posta elettronica certificata (PEC) valida ed attiva. Per ulteriori informazioni sulla PEC e su come ottenerla è possibile consultare l’apposita pagina pubblicata nel sito camerale.
  • aderire ad un servizio di invio pratiche. Il sistema camerale mette a disposizione il servizio 'Telemaco' raggiungibile dal sito web: registroimprese.infocamere.it. Previa registrazione (mediante SPID, CNS o CIE), è possibile costituire un fondo prepagato online (da alimentare con carta di credito o altri sistemi bancari) per il versamento dei diritti di segreteria pari ad Euro 30 (da caricare nella sezione 'Diritti e bolli'). La pratica è esente dall’imposta di bollo; tuttavia, per il servizio di spedizione è richiesto il caricamento di Euro 2 nella sezione 'Tariffe'.
  • utilizzare uno strumento per la predisposizione e la compilazione della pratica telematica. L’applicativo gratuito per la predisposizione guidata della pratica del titolare effettivo messo a disposizione del sistema camerale è DIRE, raggiungibile anche dalla propria area Telemaco.
Per la predisposizione e l'invio della pratica di comunicazione del titolare effettivo è possibile avvalersi anche di analoghe soluzioni di mercato.

Ulteriori informazioni per la predisposizione dell'adempimento sono disponibili:
Inoltre, sul sito web del Ministero dell'economia e delle finanze nonchè sul sito web della Banca d'Italia sono disponibili per la consultazione le FAQ sulla titolarità effettiva e sul Registro dei Titolari effettivi.

Per assistenza in merito alla predisposizione della pratica per la comunicazione del titolare effettivo è possibile contattare il servizio centralizzato
InfoCamere organizza tre webinar (tra loro alternativi) dedicati alla comunicazione della titolarità effettiva ai quali è possibile iscriversi gratuitamente consultando la pagina pubblicata sul sito camerale.
Il Titolare Effettivo deve essere confermato periodicamente entro 12 mesi dalla prima comunicazione, dall’ultima conferma o dalla modifica più recente, da comunicare entro e non oltre 30 giorni dall’atto che l’ha originata.
La conferma può anche essere inviata contestualmente al deposito del bilancio (per i soggetti obbligati alla presentazione di tale adempimento).
L’omesso o tardivo adempimento da parte degli obbligati alla comunicazione del titolare effettivo comporta l’accertamento della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dall’art. 2630 c.c.


(Aggiornamento pagina al 23/01/2024)


Contatta il Registro Imprese
Per richiedere informazioni e chiarimenti in tema di Società, Imprese Individuali e REA.

Per accedere al servizio online gratuito è necessaria la registrazione.
Vai al servizio
A chi rivolgersi