Richiesta di visure e certificati


La richiesta di visure e certificati può essere effettuata presso lo sportello visure e certificati, oppure per via telematica, sottoscrivendo apposite convenzioni (maggiori informazioni sono reperibili sul sito RegistroImprese - box 'Ricerca' - 'scopri di più').  Presso lo sportello visure e certificati, è possibile richiedere fino ad un massimo di 5 visure o 5 certificati per appuntamento.

Le visure camerali possono essere richieste anche dagli utenti non convenzionati, accedendo al sito RegistroImprese ed effettuando la ricerca attraverso il box 'Trova impresa'). È possibile richiedere:
  • visure (ad esempio: ordinaria, storica, assetto societario, ecc..)
  • certificati (ad esempio: abbreviato, storico, con dichiarazione di inesistenza di procedure concorsuali - cd. 'Vigenza' - ecc...)
Dal 13/02/2013, data di entrata in vigore della normativa in materia di documentazione antimafia (c.d. Codice Antimafia - D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159), a seguito dell'abrogazione del D.P.R. 3 giugno 1998, n. 252, non è più possibile richiedere il rilascio del certificato con la dicitura 'antimafia' alla Camera di commercio.
Per informazioni relative alla documentazione antimafia si invita a consultare il sito web della Prefettura (selezionando la Regione e successivamente la provincia di interesse).

La visura è un documento in carta semplice, senza valore legale, che riporta le informazioni giuridiche ed economiche relative ad ogni impresa iscritta al Registro Imprese o al Repertorio Economico Amministrativo (REA).
 
La visura può essere richiesta per tutte le imprese iscritte sul territorio nazionale e può essere rilasciata a chiunque ne faccia richiesta.
 
Dal 5 marzo 2014 il formato della visura è stato profondamente modificato: è stata adottata una veste grafica che la rende maggiormente leggibile; inoltre, è stato aumentato il grado di affidabilità del documento attraverso un sistema di verifica basato sul RI QR Code. Attraverso questo 'codice a barre bidimensionale', infatti,  si può avere accesso (da computer oppure da dispositivi mobili come telefoni cellulari, palmari, smartphone, tablet), alla copia digitale del documento estratto, conservata per la durata di cinque anni, mettendo al sicuro da ogni tentativo di contraffazione.
ll certificato è un documento rilasciato generalmente in bollo, che attesta l'iscrizione presso il Registro Imprese ed il Repertorio Economico Amministrativo (REA), e riporta le informazioni giuridiche ed economiche relative ad ogni impresa iscritta; esso ha valore legale ed ha una validità di sei mesi dalla data del rilascio.
 
È possibile richiede un certificato esente da bollo compilando l'apposito modulo (disponibile nell'area download in calce a questa pagina), con gli estremi della legge che prevede l'esenzione (ad esempio, per rimborso IVA, ecc...).

Il costo di un certificato, se richiesto in bollo, varia a seconda della lunghezza del documento stesso, in quanto, oltre al diritto di segreteria, si applica anche l'imposta di bollo pari a € 16,00 ogni 100 righe, assolta in modo virtuale.

Il certificato può essere richiesto per tutte le imprese iscritte sul territorio nazionale e può essere rilasciato a chiunque ne faccia richiesta.

Esistono diverse tipologie di certificati, ciascuno contenente particolari informazioni, stabilite dal D.M. del 07/02/1996 e successive modificazioni):
  • Anagrafico/Iscrizione: riporta le informazioni contenute nel Registro Imprese (codice fiscale e numero di iscrizione, denominazione, sede, capitale sociale, oggetto sociale, tutti i soggetti con cariche denunciati al R.I., unità locali);
  • Storico: riporta l'elenco di tutte le denunce ed i depositi effettuati dall'impresa presso il Registro Imprese/Registro Ditte, con le relative date di trascrizione. Il certificato storico comprende anche i dati delle ditte sospese o cancellate, presenti nel precedente registro delle ditte, ma non iscritte nel registro imprese;
  • Deposito: riporta l'elenco degli atti e dei modelli presentati al Registro Imprese ma non ancora iscritti;
  • Assetto proprietario: riporta l'elenco dei soci delle società di capitali;
  • Abbreviato: riporta codice fiscale e numero di iscrizione, denominazione, sede e capitale sociale (non rilasciabile per imprese individuali);
  • Iscrizione di poteri personali: riporta le stesse notizie del certificato abbreviato, con la possibilità di inserire il nominativo di una o più persone in carica (amministratore, procuratore, direttore tecnico, ecc...) con i relativi poteri, se caricati;
  • Certificato di non iscrizione: attesta la non iscrizione di un'impresa al Registro Imprese della Romagna;
  • Società soggetta a direzione e coordinamento: riporta l'elenco delle società o enti che esercitano l'attività di direzione e coordinamento.
  • Dichiarazione sostitutiva del certificato di iscrizione al Registro Imprese: dichiarazione ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. 445/2000.
  • Certificato storico Albo Artigiani: si tratta di un certificato che viene redatto sulla base delle informazioni contenute nell'archivio cartaceo camerale e che attesta la qualifica Artigiana per l’Impresa (per imprese datate e chiuse da diverso tempo). Per richiedere questo tipo di certificato, l'interessato deve compilare l'apposito modulo di richiesta (disponibile nell'area download in calce a questa pagina) inserendo tutte le informazioni utili per la ricerca dell'impresa. 
Al momento della richiesta, è possibile aggiungere in calce al certificato la dicitura attestante che l'impresa non è sottoposta a procedure concorsuali.
Questo servizio, tuttavia, non è attivo per le imprese iscritte presso le Camere di Commercio di Benevento, Brindisi, Caserta, Catanzaro, Genova, Matera, Messina, Milano, Roma, Salerno, Teramo, Vibo Valentia.
La richiesta di visure (Company Registration Report) o certificati (Company Registration Certificate) in inglese può essere effettuata sia allo sportello della Camera di Commercio sia on-line tramite il sito RegistroImprese.
 
Per coloro che necessitano della legalizzazione della firma sul certificato, è sempre consigliabile richiederlo allo sportello.
 
Le visure ed i certificati in inglese sono stati appositamente ideati per l'utilizzo all’estero: presentare un documento camerale redatto in inglese agevola lo svolgimento delle operazioni amministrative all’estero da parte degli operatori italiani.
 
Si tratta di un servizio economico e veloce, in quanto la visura e il certificato in inglese sono soggetti al pagamento degli stessi diritti di segreteria dei corrispondenti documenti in lingua italiana.
Inoltre, ai fini dell'utilizzo in uno Stato estero, il certificato in lingua inglese è esente dall'imposta di bollo e non sono necessarie ulteriori spese per la traduzione dei documenti.
 
Inoltre, gli operatori stranieri, possono reperire direttamente on-line le informazioni relative ad un’impresa italiana tramite un documento più comprensibile e affidabile, proveniente direttamente dal Registro delle imprese.
 
Anche per questi nuovi documenti, come già per le visure in lingua italiana, è possibile verificare direttamente da smartphone, da tablet o dal sito RegistroImprese la corrispondenza tra il documento in possesso e quello archiviato nel Registro Imprese grazie alla presenza del 'QR Code'.
 
Ulteriori informazioni sono disponibili nell'area dedicata del sito RegistroImprese.
CHE COS'E'?
La legalizzazione del certificato rilasciato dal Registro delle Imprese richiesta da clienti e fornitori esteri (o l'apposizione dell'apostilla, qualora le imprese richiedenti appartengano ai paesi che hanno aderito alla Convenzione dell'Aja), consiste nel rilascio di un documento ufficiale dell'impresa firmato da un funzionario camerale. La qualità di pubblico ufficiale e l'autenticità della firma devono essere successivamente attestati dalla Prefettura.

COME FARE?
Per richiedere il certificato è possibile prenotare un appuntamento per accedere allo sportello del Registro delle Imprese presentando il modulo compilato 'Richiesta certificato esente dall'imposta di bollo' (disponibile nell'area download in calce a questa pagina).
Il rilascio del certificato è immediato e non occorre delega per il ritiro. E' possibile richiedere anche un certificato già tradotto in inglese (in quest'ultimo caso, il documento è già rilasciato in esenzione dall'imposta di bollo). 
 
Nel caso di richiesta di certificato per successiva apposizione dell'apostilla dell'Aja in Prefettura, si informa che la Prefettura di Rimini apostilla i documenti solo il lunedì (giorno di chiusura al pubblico della Camera di commerico - sede di Rimini): pertanto, in caso di urgenza, è necessario richiedere i documenti da apostillare fissando un appuntamento la settimana precedente (ad esempio, il giovedì) per poterli poi presentare in Prefettura il lunedì successivo.

Per il certificato in italiano, la Prefettura richiederà l'apposizione di un'unica marca da bollo da € 16.00, indipendentemente dalla lunghezza, mentre il certificato in lingua inglese è esente bollo.
Per i certificati e le visure richiesti allo sportello, il pagamento delle somme dovute a titolo di diritti di segreteria e dell'imposta di bollo può essere effettuato:
 
  • in contanti o con bancomat allo sportello oppure
  • tramite il sistema PagoPA
Dal 1° Marzo 2021 non saranno più accettati pagamenti a mezzo bollettino postale o bonifico bancario.


DOWNLOAD


Prenota il tuo appuntamento
Il servizio di rilascio di visure e certificati viene erogato solo su appuntamento.
Prenota online il tuo.
Vai al servizio
Contatta il Registro Imprese
Per richiedere informazioni e chiarimenti in tema di Società, Imprese Individuali e REA.

Per accedere al servizio online gratuito è necessaria la registrazione.
Vai al servizio
A chi rivolgersi

Sportello visure e certificati, copie atti e bilanci

Il servizio è erogato su appuntamento presso le sedi camerali di:

  • Forlì - corso della Repubblica 5
  • Cesena - via Gaspare Finali 32
  • Rimini - Via Sigismondo 28
Per prenotare un appuntamento per il rilascio di visure e certificati allo sportello è possibile utilizzare il servizio online di Prenotazione appuntamenti.

Per informazioni è possibile utilizzare il servizio online Contatta il Registro Imprese.


Ultimo aggiornamento:

22/05/2024