L'attività di commercio all'ingrosso

Condividi

Definizione e ambito di applicazione

Per commercio all’ingrosso si intende l’attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende ad altri commercianti (all’ingrosso o al dettaglio) o ad utilizzatori professionali o ad altri utilizzatori in grande. Tale attività può assumere la forma di commercio interno, di importazione o di esportazione.

L’attività di commercio all’ingrosso consiste nella compra-vendita, ossia nell’acquisto del bene e nella successiva rivendita senza che intervenga alcuna sostanziale trasformazione o modifica dello stesso. Tale attività si differenzia dall’attività degli artigiani di produzione e delle imprese industriali che vendono (ad altri imprenditori o ai consumatori finali) beni che sono il risultato di un processo produttivo interno all’impresa o da essa coordinato.

Pertanto non si tratta di commercio ai sensi del D.L. 114/98 se chi produce e chi vende il bene è lo stesso soggetto imprenditoriale.

Nel caso di vendita nei locali di produzione o nei locali a questi adiacenti, dei beni di produzione propria da parte delle imprese industriali o artigianali, non si ravvisa la fattispecie del commercio, in quanto tali imprese si limitano a vendere esclusivamente i beni da loro prodotti.

L’attività di vendita del pescatore o del produttore agricolo non sono da considerarsi attività commerciali, se hanno ad oggetto esclusivamente i prodotti provenienti dalla propria attività.

È consentito l’esercizio congiunto del commercio all’ingrosso e al dettaglio da parte della medesima impresa.


Ufficio Registro Imprese

Per informazioni in tema di
Società, Imprese Individuali e REA

utilizzare il servizio Contatta il Registro Imprese

Immagine di customer satisfaction
Valuta i nostri servizi

L'indagine è rivolta a coloro che hanno utilizzato i servizi della Camera di commercio
Vai al questionario on line

I contenuti di questa pagina sono aggiornati al 10/04/2020