Cina - sospeso fino al 30 settembre 2019 l' harmonized certificate per export di prodotti alimentari

Condividi

Dalle informazioni assunte da Unioncamere presso l'Ambasciata d'Italia in Cina e confermate dal Ministero dello Sviluppo Economico, si informano gli esportatori di beni alimentari verso la Cina che l'Autorità cinese ha formalizzato un periodo transitorio di due anni -  fino al 30 settembre 2019 - durante il quale è sospeso  l'obbligo della presentazione dell' "harmonized certificate".

Il formulario Certificate for export of Food per l'importazione di prodotti alimentari,  cosiddetto “harmonized certificate”, si applicherà a tutti i prodotti alimentari destinati al mercato cinese ai sensi di una nuova normativa AQSIQ (General Administration of Quality Supervision, Inspection and Quarantine) introdotta nel Paese.
Tale normativa sarebbe dovuta  entrare in vigore il 1° ottobre, ma ha ricevuto una ferma opposizione da parte di tutti i principali Paesi che esportano in Cina (inclusa l'UE) che ritengono il provvedimento “sproporzionato e ingiustificato”.

L'obbligo è sospeso fino al 30 settembre 2019.



U.O. Internazionalizzazione

Tel. 0543 713447-475
mail esterofc@romagna.camcom.it

Tel. 0541 363735-733
mail esterorn@romagna.camcom.it


I contenuti di questa pagina sono aggiornati al 24/10/2019