Il credito e il risparmio nell’area Romagna – Forlì-Cesena e Rimini

Condividi

modal-hover-opacity

Al 30/09/2020 nel territorio Romagna – Forlì-Cesena e Rimini si conferma la ripresa del credito alle imprese, iniziata nel 1° trimestre dell’anno, sostenuta soprattutto dalle misure intraprese per far fronte all’emergenza sanitaria; positiva anche la dinamica dei prestiti alle famiglie, pur in rallentamento. Registrata, come prevedibile, un’impennata dei prestiti garantiti dallo Stato tramite il Fondo di Garanzia. Sul fronte del risparmio finanziario, si assiste ad una decisa crescita dei depositi bancari mentre diminuisce l’ammontare dei titoli in portafoglio.

 

Gli ultimi dati riferiti al contesto nazionale (tratti dal Bollettino economico ottobre 2020 - Banca d’Italia), evidenziano un aumento netto del credito alle imprese, determinato dal forte incremento del fabbisogno di liquidità, dovuto all’emergenza sanitaria. Si evidenzia, in particolare, il miglioramento delle condizioni dell’offerta, grazie soprattutto all’introduzione di consistenti garanzie pubbliche sui finanziamenti concessi dagli intermediari finanziari. L’aumento delle erogazioni è avvenuto, in tale contesto, senza particolari aggravi di costo: sostanzialmente, i tassi sui prestiti sono rimasti invariati e su livelli contenuti. Il credito alle famiglie, invece, ha subito un rallentamento dovuto alla frenata dei consumi, derivante sia dal lockdown delle imprese commerciali, sia dal minore reddito disponibile, sia dal perdurare della pandemia, che ha limitato l’acquisto di alcune tipologie di beni e servizi (soprattutto quelli legati al turismo e alle attività ricreative) aumentando la propensione al risparmio.
I temi del credito e del risparmio sono monitorati attraverso una serie complessa di indicatori che tengono conto di numerose variabili; l’analisi che segue osserva, per ragioni di sintesi, i dati relativi solo ad alcuni dei principali aggregati, mentre per approfondimenti più completi si rimanda alle elaborazioni complete curate dalla Banca d’Italia.

“Favorire l’accesso al credito è, da sempre, una linea prioritaria di azione della Camera di commercio della Romagna, linea d’azione nella quale sono impiegate importanti risorse, oltre 3 milioni di euro nell’ultimo biennio. Quest’anno, per far fronte all’emergenza sanitaria ed economica, tale sforzo si è ulteriormente intensificato, attraverso misure specifiche di sostegno, impiego di maggiori risorse, organizzazione di occasioni di incontro allo scopo di favorire il dialogo tra Istituti di credito e imprese, etc. – dichiara Alberto Zambianchi, presidente dell’Ente camerale –. Lo scenario presente è ancora difficile ed è, quindi, importante che il quadro di regolamentazione trovi nuove soluzioni che permettano di affrontare costruttivamente il prossimo futuro. Futuro nel quale si prevede un aumento delle sofferenze e, parallelamente, un ulteriore deterioramento del “merito di credito” di molte imprese. La forte crescita dei depositi bancari, inoltre, certifica la frenata dei consumi e il clima di forte incertezza causato dalla pandemia. L’auspicio è che nel prossimo futuro queste risorse si possano trasformare in nuovi investimenti e in crescita economica”.

Prestiti e risparmio finanziario – provincia di Forlì-Cesena

In base ai dati provvisori della Banca d’Italia (Ufficio Ricerca Economica di Bologna), in provincia di Forlì-Cesena, al 30/09/2020, i prestiti totali ammontano a 11.535 milioni di euro (8,5% dell’Emilia-Romagna), così suddivisi: 61,6% alle imprese, 33,9% alle famiglie e 4,5% ad altri soggetti (società finanziarie, enti pubblici, istituzioni senza scopo di lucro).
Rispetto al 30 settembre 2019 si rileva un incremento dell’1,9% dei prestiti concessi (+3,1% a livello regionale). Nel dettaglio, si registra un aumento dei prestiti alle imprese del 2,0% (+1,6% alle medio-grandi, +3,2% alle piccole) e una crescita di quelli alle famiglie del 2,3%. In merito ai primi, si evidenzia un deciso incremento del credito al manifatturiero (+8,6%), a cui segue una variazione positiva più moderata verso il macrosettore dei servizi (+1,1%); in calo, invece, i prestiti verso il settore edile (-3,7%).

Con riferimento al risparmio finanziario, in provincia, al 30/09/2020, l’ammontare risulta di 17.768 milioni di euro (7,4% dell’Emilia-Romagna): il 64,6% è costituito dai depositi bancari, il restante 35,4% dai titoli a custodia. ,
Rispetto al 30 settembre 2019 si riscontra una crescita del risparmio totale del 6,1% (+5,9% a livello regionale) dovuta al sensibile aumento dei depositi (+11,4%); in diminuzione, al contrario, gli investimenti in titoli (-2,3%), soprattutto in obbligazioni bancarie (-19,3%), mentre aumenta l’acquisto dei titoli di stato (+6,3%).

In relazione al Fondo di Garanzia per le PMI, a seguito dei provvedimenti adottati per fronteggiare la crisi economica fortemente aggravata dall’emergenza sanitaria, nel corso dell’anno è stato registrato un netto aumento delle domande pervenute.
Tra il 17 marzo e il 1° dicembre, infatti, nella provincia di Forlì-Cesena sono state registrate 12.070 operazioni di finanziamento (9,5% del totale regionale), di cui il 68,8% riferite ai prestiti entro i 30mila euro, per un importo finanziato pari a 1.015 milioni di euro (84mila euro come importo finanziato medio). Tali operazioni, che hanno riguardato, grazie al Decreto Liquidità, una platea più ampia di imprese (quelle con meno di 500 addetti), nel periodo considerato sono state pari a 33 ogni 100 imprese attive (32 in Emilia-Romagna, 28 in Italia). Le domande pervenute nell’intero anno 2019 erano state 969.

Prestiti e risparmio finanziario – provincia di Rimini

In base ai dati provvisori della Banca d’Italia (Ufficio Ricerca Economica di Bologna), in provincia di Rimini, al 30/09/2020, i prestiti totali ammontano a 9.045 milioni di euro (6,7% dell’Emilia-Romagna), così suddivisi: 60,9% alle imprese, 34,9% alle famiglie e 4,2% ad altri soggetti (società finanziarie, enti pubblici, istituzioni senza scopo di lucro).
Rispetto al 30 settembre 2019 si rileva un incremento del 5,9% dei prestiti concessi (+3,1% a livello regionale). Nel dettaglio, si registra un deciso aumento dei prestiti alle imprese del 9,1% (+11,9% alle medio-grandi, +2,1% alle piccole) e una lieve crescita di quelli alle famiglie pari allo 0,6%. In merito ai primi, si evidenzia un forte incremento del credito al manifatturiero (+20,0%), seguita dalla variazione positiva, verso il macrosettore dei servizi (+9,0%); in calo, invece, i prestiti verso il settore edile (-1,2%).

Con riferimento al risparmio finanziario, in provincia, al 30/09/2020, l’ammontare risulta di 14.941 milioni di euro (6,2% dell’Emilia-Romagna): il 69,9% è costituito dai depositi bancari, il restante 30,1% dai titoli a custodia. ,
Rispetto al 30 settembre 2019 si riscontra una crescita del risparmio totale del 3,5% (+5,9% a livello regionale) dovuta all’aumento dei depositi (+7,1%); in diminuzione, al contrario, gli investimenti in titoli (-4,2%), soprattutto in obbligazioni bancarie (-27,6%), mentre aumenta l’acquisto dei titoli di stato (+2,0%).

In relazione al Fondo di Garanzia per le PMI, a seguito dei provvedimenti adottati per fronteggiare la crisi economica fortemente aggravata dall’emergenza sanitaria, nel corso dell’anno è stato registrato un netto aumento delle domande pervenute.
Tra il 17 marzo e il 1° dicembre, infatti, nella provincia di Rimini sono state registrate 12.111 operazioni di finanziamento (9,6% del totale regionale), di cui il 71,6% riferite ai prestiti entro i 30mila euro, per un importo finanziato pari a 759 milioni di euro (63mila euro come importo finanziato medio). Tali operazioni, che hanno riguardato, grazie al Decreto Liquidità, una platea più ampia di imprese (quelle con meno di 500 addetti), nel periodo considerato sono state pari a 35 ogni 100 imprese attive (32 in Emilia-Romagna, 28 in Italia). Le domande pervenute nell’intero anno 2019 erano state 640.

Fonte: Banca d’Italia (Ufficio Ricerca Economica di Bologna) – MISE (Ministero dello Sviluppo Economico)

Elaborazione: Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini a cura dell’Ufficio Informazione Economica

Il comunicato è disponibile nel sito della Camera della Romagna, nella sezione Informazione Economica

Per informazioni e approfondimenti: informazioneeconomica@romagna.camcom.it

 

[Comunicato Stampa n. 76 del 9 dicembe 2020]


Ufficio Informazione economica

informazioneeconomica@romagna.camcom.it

tel. +39 0543 713265

orario di sportello:
dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30

Forlì - corso della Repubblica 5

Rimini - via Sigismondo Pandolfo Malatesta 28

 

Immagine di customer satisfaction
Valuta i nostri servizi

L'indagine è rivolta a coloro che hanno utilizzato i servizi della Camera di commercio
Vai al questionario on line

I contenuti di questa pagina sono aggiornati al 09/12/2020