Dichiarazioni fiscali IRPEF – anno di imposta 2019 nell’aggregato Romagna – Forlì-Cesena e Rimini

Condividi

Icona

I dati “ufficiali” provenienti dal Dipartimento delle Finanze del MEF, relativi alle dichiarazioni fiscali dei Redditi IRPEF dell’anno 2019 (presentate nel 2020), rilevano per il territorio Romagna – Forlì-Cesena e Rimini un lieve aumento, rispetto al 2018, del reddito complessivo e una stabilità del reddito medio per contribuente, a fronte di una crescita annua del numero dei contribuenti; reddito medio che, nello specifico, risulta essere inferiore sia al dato regionale sia a quello nazionale.

Nel sistema aggregato Romagna (Forlì-Cesena e Rimini) il reddito complessivo dell’anno 2019, derivante dalle dichiarazioni fiscali dei redditi IRPEF presentate nel 2020, ammonta a 11.614.878.129 euro (14,5% dell’Emilia-Romagna), in leggero aumento rispetto al 2018 (+0,5%); lieve crescita annua anche per il numero dei contribuenti (+0,5%, 566.659 persone fisiche nel 2019).

Stabile, invece, il reddito medio per contribuente 2019, pari a 20.497 euro, inferiore sia al reddito medio regionale (23.517 euro) sia a quello medio nazionale (21.275 euro).

Dichiarazioni fiscali anno di imposta 2019: provincia di Forlì-Cesena

In provincia di Forlì-Cesena il reddito complessivo dell’anno 2019, derivante dalle dichiarazioni fiscali dei redditi IRPEF presentate nel 2020, ammonta a 6.518.201.339 euro (8,1% del totale regionale), in aumento rispetto al 2018 (+0,8%). Il reddito medio per contribuente nel 2019 risulta pari a 21.248 euro, in lieve crescita annua dello 0,4%; incremento che caratterizza anche il numero dei contribuenti (+0,4%, 306.773 persone fisiche). Nel confronto con Emilia-Romagna e Italia, il reddito medio della provincia di Forlì-Cesena risulta inferiore al reddito medio regionale (23.517 euro) ma in linea con quello medio nazionale (21.275 euro).

Sempre con riferimento al reddito medio, nella classifica decrescente provinciale la provincia di Forlì-Cesena occupa la settima posizione in regione (dopo, nell'ordine, Bologna, Parma, Modena, Reggio Emilia, Piacenza e Ravenna) e il 47° posto, su 107 province, in ambito nazionale (Milano, Bologna e Monza-Brianza ai primi tre posti).

Nel contesto comunale, in provincia il reddito medio per contribuente più alto spetta ai due grandi centri: Cesena, con 22.605 euro, e Forlì, con 22.578 euro; nel dettaglio, riguardo ai comuni emiliano-romagnoli (328 in totale), Cesena si posiziona al 111° posto e Forlì al 113°, mentre, con riferimento a tutti i comuni italiani (7.903 complessivi), Cesena occupa la posizione numero 1.198 e Forlì la numero 1.210. A seguire, nella graduatoria decrescente per comuni a livello provinciale, troviamo Modigliana (21.738 euro), Bertinoro (21.414 euro), Forlimpopoli (21.325 euro), Castrocaro Terme (20.782 euro), Meldola (20.311 euro), Longiano (20.187 euro), Galeata (20.156 euro), Savignano sul Rubicone (20.142 euro) e Santa Sofia (20.032 euro). Redditi medi, invece, più bassi per altri principali comuni: Gambettola (19.583 euro, 13° posizione), San Mauro Pascoli (19.370 euro, 16°), Cesenatico (18.610 euro, 22°) e Gatteo (18.496 euro, 24°).

Dichiarazioni fiscali anno di imposta 2019: provincia di Rimini

In provincia di Rimini il reddito complessivo dell’anno 2019, derivante dalle dichiarazioni fiscali dei redditi IRPEF presentate nel 2020, ammonta a 5.096.676.790 euro (6,4% del totale regionale), sostanzialmente stabile rispetto al 2018 (+0,2%). Il reddito medio per contribuente nel 2019 risulta pari a 19.611 euro, in lieve calo annuo dello 0,4%, mentre cresce il numero dei contribuenti (+0,6%, 259.886 persone fisiche). Nel confronto con Emilia-Romagna e Italia, il reddito medio della provincia di Rimini risulta inferiore sia, e nettamente, al reddito medio regionale (23.517 euro) sia a quello medio nazionale (21.275 euro).

Sempre con riferimento al reddito medio, nella classifica decrescente provinciale la provincia di Rimini occupa l'ultima posizione in regione (dopo, nell'ordine, Bologna, Parma, Modena, Reggio Emilia, Piacenza, Ravenna, Forlì-Cesena e Ferrara) e il 60° posto, su 107 province, in ambito nazionale (Milano, Bologna e Monza-Brianza ai primi tre posti).

Nel contesto comunale, in provincia il reddito medio per contribuente più alto spetta a Montegridolfo, con 20.849 euro, che precede Rimini, con 20.332 euro; nel dettaglio, riguardo ai comuni emiliano-romagnoli (328 in totale), Montegridolfo si posiziona al 194° posto e Rimini al 211°, mentre, con riferimento a tutti i comuni italiani (7.903 complessivi), Montegridolfo occupa la posizione numero 2.316 e Rimini la numero 2.675. A seguire, nella graduatoria decrescente per comuni a livello provinciale, troviamo Riccione (20.084 euro), Santarcangelo di Romagna (20.064 euro), Cattolica (19.905 euro), San Giovanni in Marignano (19.853 euro), Misano Adriatico (19.081 euro), Novafeltria (18.911 euro) e Morciano di Romagna (18.819 euro). Redditi medi, invece, più bassi per altri principali comuni: Verucchio (18.649 euro, 11° posizione), Coriano (18.302 euro, 13°) e Bellaria-Igea Marina (17.916 euro, 18°).

Fonte: MEF – Dipartimento delle Finanze

Elaborazione: Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini a cura dell’Ufficio Informazione Economica

Rapporto economia: https://www.romagna.camcom.it/ informazione-economico- statistica/rapporto- sulleconomia/index.htm?ID_D= 268

Osservatorio economico: https://www.romagna.camcom.it/ informazione-economico- statistica/osservatorio- congiunturale/index.htm?ID_D= 294

Il comunicato è disponibile nel sito della Camera di commercio della Romagna, sezione Informazione Economica

Per informazioni e approfondimenti: informazioneeconomica@romagna.camcom.it

 

 

[Comunicato n.56 del 9 Giugno 2021]


Ufficio Informazione economica

informazioneeconomica@romagna.camcom.it

tel. +39 0543 713265

orario di sportello:
dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30

Forlì - corso della Repubblica 5

Rimini - via Sigismondo Pandolfo Malatesta 28

 

Immagine di customer satisfaction
Valuta i nostri servizi

L'indagine è rivolta a coloro che hanno utilizzato i servizi della Camera di commercio
Vai al questionario on line

I contenuti di questa pagina sono aggiornati al 09/06/2021